Qual’è lo Smartphone Migliore?

Pubblicato da Yuri Carlenzoli | 18 Luglio 2020

In questo articolo ti dico qual'è lo smartphone migliore da comprare, non solo oggi ma sempre, lo smartphone migliore varia da persona a persona, una guida che ti aiuterà all'acquisto del tuo smartphone migliore.

quale smartphone comprare

Seppur lo smartphone non sia un argomento correlato prettamente al computer - quindi con questo blog - è comunque tecnologia e le persone lo utilizzano molto, anche più del computer al giorno d'oggi. Scrivere una semplice ma dettagliata guida che può aiutare all'acquisto per il miglior smartphone può essere utile.

Oltre a questa breve introduzione/specificazione, fatta anche per dire che non è cambiato il taglio dei contenuti di questo blog, ovvero non saranno presenti le recensioni di smartphone ogni "5 minuti" o news continue, ti dico anche che, come praticamente qualsiasi cosa, la cosa "migliore" non esiste per tutti. Come, ad esempio per sapere qual'è il browser migliore per lo smartphone bisogna testarlo sul proprio computer/dispositivo.

Ognuno ha una sua scala di valore, delle preferenze e delle necessità.

Su questo si basa questo articolo, infatti, per aiutarti a scegliere lo smartphone migliore per le tue necessità dovrai risponderti personalmente a delle domande. Dicendoti il mio metodo di valutazione potrai farti un'idea più chiara riguardo qual'è lo smartphone migliore che devi comprare.

Oltre a questo, il motivo per cui nasce questo articolo è perché sono stufo di vedere online articolo che indicano "il miglior smartphone", ma che non sono ne contestualizzati, ne realmente utili per le persone.

Valuta le tue necessità

La valutazione delle necessità personali è appunto soggettiva. Non è possibile fare una guida che dice come scegliere il migliore smartphone in base le proprie esigenze, visto appunto che variano da persona a persona.

Per esserti d'aiuto però ti riferisco come valuto io la scelta d'acquisto dello smartphone. Tenendo presente che personalmente non mi baso all'ultimo modello o la marca. Valuto complessivamente il rapporto tra qualità e prezzo.

All'atto pratico, le mie esigenze primarie per l'utilizzo dello smartphone sono:

  • Che mi sia utile da navigatore, sia in auto che in mountain bike;
  • Che mi permetta di fare delle belle fotografie, più che decenti;
  • Che sia fluido nell'utilizzo e che non si blocchi (lag eccessivi, ndr).

In base le mie necessità di utilizzo dello smartphone, anche solamente sapendo le mie esigenze primarie dell'utilizzo dello smartphone allo stato attuale avrei già fatto una bella scrematura si smartphone.

Nel mio caso, che potrebbe essere quello di molte persone, dovrei/devo dirigere la mia scelta sulla media gamma. Viste sopratutto le caratteristiche della CPU e della RAM che mi permetterebbero di avere uno smartphone fluido e senza rallentamenti.

Per esperienza personale, ad ora (2 trimestre 2020) posso dire che con 2 GB di memoria RAM ed una CPU octa core da 1,6 GHz lo smartphone risulta fluido.

La fluidità dipende molto dalle applicazioni

Sicuramente avere uno smartphone veloce e fluido è una necessità che possono avere tutte le persone. Quindi faccio un appunto.

Oltre che l'hardware è importante tener presente che, quello che rende fluido l'utilizzo dello smartphone dipende molto dalla configurazione. In base se è standard come di fabbrica oppure se si configura in base le proprie esigenze.

Sicuramente la prima cosa da fare è la disattivazione di applicazioni inutili installate di default. Quelle che non si usano. Se non è possibile disinstallarle Android permette comunque di disattivarle.

Inoltre, certe applicazioni di fabbrica, anche se indispensabili consumano molte risorse. Conseguentemente rallentano e rendono meno fluido lo smartphone. Consiglio di valutare sopratutto l'utilizzo di launcher diversi da quello preinstallato. Sia per top di gamma che per smartphone di gamma media e bassa ho riscontrato che è quasi sempre un problema enorme per le prestazioni.

Personalmente mi trovo benissimo con Nova Launcher, una delle poche applicazioni che ho acquistato, sono pochi euro ben spesi per usare agevolmente lo smartphone.

Non servono 50 fotocamere

Anche il reparto fotografico è una delle caratteristiche di uno smartphone che sicuramente interessa a molte persone. Praticamente tutti vogliono fare belle foto e/o farsi bei selfie e fare dei video in alta qualità.

Una cosa che devi tenere presente è che: non è che più fotocamere ha uno smartphone migliori saranno le fotografie. Anche se sicuramente danno una mano a migliorarne la qualità. Gli smartphone non sono macchine fotografiche digitali o reflex. Non hanno lo zoom ottico con una grande lunghezza focale.

Perlopiù sono "artefatti digitali", come tali la qualità delle fotografie non può essere paragonabile a quella delle macchine fotografiche, anche se fanno fotografie più che decenti.

Riguardo il reparto fotografico di uno smartphone ci aggiungo anche che, come per la velocità e fluidità, anche il reparto fotografico è condizionato dalle applicazioni del produttore. Può esserci un ottima lente, con ottimi valori tecnici ma se l'applicazione fotocamera è scadente od ha bug le fotografie non saranno eccelse.

Questo si può risolvere installando un'applicazione alternativa per fare video o fotografie. Senza installare versioni modificate della GCam (Google Camera), un possibile rischio anche per la sicurezza, nel Play Store ve ne sono ottime.

Personalmente utilizzo Snap Camera HDR, altri 2,5€ ben spesi (molte configurazioni anche dettagliate ed opzioni) per una funzionalità essenziale che deve avere, a mio avviso, uno smartphone. Si può provare anche la versione dimostrativa prima di acquistarla.

Più avanti, nella sezione dedicata ai sensori, dico altre cose riguardo altre caratteristiche che bisogna valutare in uno smartphone (anche) per avere un ottimo reparto fotografico.

L'ultimo aggiornamento non è necessario

Uno smartphone utilizzato minimamente intelligentemente, non installando applicazioni sconosciute, con applicazioni per la sicurezza, con un browser sicuro ed aggiornato e configurando le impostazioni diligentemente, anche se non è all'ultima versione di Android, non è un colabrodo riguardo la sicurezza.

A meno che non contenga dati aziendali, estremamente importanti o molto sensibili non è strettamente necessario che abbia le patch di sicurezza dell'ultimo mese e/o che usi l'ultima versione del sistema operativo.

Per un utilizzo normale vanno egregiamente anche dispositivi di qualche anno e con 1/2 versioni di Android precedenti.

Oltre che per "le mode" ed i motivi appena riportati, non ho accennato all'ultima versione di Android come requisito fondamentale per la scelta di uno smartphone per un motivo semplice: Android è Open Source.

Anche su smartphone non dell'ultimo modello, grazie la comunità di sviluppatori si può avere l'ultima versione di Android. Ad esempio installando LineageOS, ottima ROM (sistema operativo, in poche parole, ndr) per smartphone di molti produttori.

I sensori sono importanti

Le prime cose che si possono guardare quando si vuole acquistare lo smartphone migliore, lo smartphone migliore per le proprie esigenze, sono subito ben identificabili da tutti.

Praticamente qualsiasi volantino offline/online o descrizione online riporta le caratteristiche principali, quali la memoria RAM e la potenza della CPU, che influiscono sulle prestazioni/sulla fluidità e sulla qualità fotografica.

Qualsiasi smartphone al giorno d'oggi ha il GPS e non lo scrivono nemmeno. Anche se non avesse Google Maps perché, ad esempio, non si possono installare i servizi Google, ci sono altre applicazioni valide.

Cosa centrano i sensori?

I sensori dello smartphone influiscono direttamente anche sull'utilizzo delle funzioni basilari (quelle che praticamente tutti desiderano, ndr) dello smartphone.

Immagina di utilizzare lo smartphone come navigatore sull'auto, attaccarlo al supporto e mentre fai le curve non ruota la mappa. Sarebbe molto scomodo. Potrebbe succedere se non è presente il sensore della bussola succederebbe. Quindi accertarsi della sua presenza è importante.

Riguardo il reparto fotografico, per far belle foto non è importante solamente la dimensione delle fotografie scattate od il numero di pixel/fotocamere. Il sensore che bisogna controllare che sia presente è quello dell'autofocus.

Come ho detto nella sezione apposita ("Non servono 50 fotocamere") tramite software (applicazioni apposite) è comunque possibile migliorare la qualità fotografica. La mancanza dell'autofocus però incide molto anche sulla comodità e velocità di scatto, spostare avanti ed indietro lo smartphone per trovare la messa a fuoco ottimale, per ogni foto, è fastidioso.

Chi desidera anche fare foto sferiche deve accertarsi che sia presente il sensore del giroscopio.

Seppur non riguarda la navigazione, la velocità/fluidità o la fotografia un altro sensore che consiglio di verificare che sia presente è il sensore di luce ambientale. Non dover impostare correttamente la luminosità dello smartphone in base la luce del giorno è davvero comodo. Inoltre può preservare il consumo della batteria.

Se si è abituati ad effettuare pagamenti digitali senza inserire dati e/o lo si vuole fare anche l'NFC è indispensabile.

Le dimensioni contano

Anche se è un opinione personale, che potrebbe risultare controtendenza con le tendenze del momento le dimensioni dello smartphone contano. Molto. Possono essere determinanti per la comodità d'utilizzo quotidiana, ed ogni persona ha le sue abitudini che possono essere differenti anche molto.

Non solo, anche la grandezza delle mani può permettere di utilizzare meglio uno smartphone più piccolo.

Il consiglio migliore che posso dare riguardo le dimensioni dello smartphone, e di conseguenza del suo display è quello di vedere fisicamente gli smartphone. Solo toccandoli con mano si potrà provare il feeling.

Per ovviare questo, al giorno d'oggi (e spero non continui questa moda, ndr), i produttori di smartphone stanno sempre di più allungando gli smartphone, il display sarà più grande (perché più lungo) ma lo smartphone si potrà impugnare meglio. Oppure soluzioni come gli infinity dislay riducono i bordi tra display e scocca.

Personalmente, dato mi piace fare belle fotografie, che metto lo smartphone spesso in tasca, nel marsupio elastico mentre vado in bicicletta e per ribrezzo personale riguardo i "padelloni" la grandezza dello smartphone ideale non dev'essere superiore ai 5,8" (5,8 pollici). Chi ha con sé sempre lo zaino o la borsa ed usa molto lo smartphone potrebbe anche prendere dispositivi con dimensioni più generose.

Compra uno smartphone resistente all'acqua

Asserire che al giorno d'oggi lo smartphone lo si usa dappertutto è la realtà. Ovviamente non sempre e non tutte le persone. La maggior parte delle persone però lo smartphone lo utilizza dappertutto e con qualsiasi condizione meteo.

C'è un problema, lo smartphone può bagnarsi. Se non si bagna con qualche piccola gocciolina può essere da buttare. Lo dico per esperienza personale dopo aver preso un acquazzone di 15 minuti circa con lo smartphone nel marsupio. Diventato inutilizzabile.

Un consiglio derivato dall'esperienza personale, ed un metodo di valutazione che utilizzo nell'acquisto di uno smartphone è la resistenza all'acqua.

Quindi, se pensi di risparmiare, ad esempio, 50€, e se per poi dover buttare lo smartphone perché ha preso la pioggia non è un risparmio.

Valuta di comprare uno smartphone compatibile almeno con lo standard di protezione IP67 od ancor meglio IP68, il primo certifica che può stare immerso per 30 minuti fino ad un metro, il secondo sempre per lo stesso tempo a più di un metro.

Anche se rispettano gli standard però evita di far prendere acqua allo smartphone, essendo dispositivi elettronici non è comunque una buona cosa per la durata ed il loro perfetto funzionamento.

Perché Android e non Apple

Sicuramente c'è qualcuno che pensa che lo smartphone migliore sia l'iPhone di Apple. Potrebbe pensare che questo articolo sia scritto da un "fanboy" di Android.

Non è così, e ci faccio una nota.

In questo articolo non ho menzionato l'iPhone principalmente perchè, a parte le differenze tra gli ultimi 2/3/4 modelli, comprare un iPhone non implica una scelta. Si compra un brand più che altro. A caro prezzo solitamente.

Effettivamente anche la chiusura del sistema operativo, a volte non compatibile con altri dispositivi, la maggior parte di applicazioni utili a pagamento ed il rapporto tra qualità/prezzo non mi ha fatto menzionare l'iPhone.

Resta il fatto che, per fare un esempio, non sarebbe possibile scrivere un articolo che dice "qual'è l'auto migliore che posso scegliere" includendo anche la Ferrari. L'articolo dovrebbe essere "qual'è la Ferrari migliore?". Ovviamente è solo un esempio, non ho menzionato la Ferrari per far intendere che iPhone sia migliore di altri smartphone, che magari costano meno ma fanno lo stesso.

Cosa ne pensi di questo articolo? Hai suggerimenti per aiutare a comprare lo smartphone migliore? Fallo sapere nei commenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.