Riutilizzare i Dati nei Social Media

Pubblicato da Yuri Carlenzoli | 05 agosto 2010

Ecco come vanno e come non vanno riutilizzati i dati, gli aggiornamenti dei social media/social network, più amici/follower o visite se si ha un sito.

come-usare-non-usare-social

Anche se avevo già intenzione di scriverci qualcosa a riguardo, non la stessa cosa, comunque, per scrivere questo post ho preso spunto dal titolo di una presentazione: Reusing Social Media Data;una presentazione che parla perlopiù di Ident Engine e cosa fa per la semantica e per la SEO, non come questo post che vuol’essere per tutti, comunque, se volete darci un’occhiata seguite il link, non posso metterla visto la licenza che adotta.

Il problema di avere vari account nei social network/media, chiamateli come volete anche se praticamente sono la stessa cosa, è che, per seguirli tutti serve tempo, se si usano per promozione è tempo sprecato che sarebbe dedicato altrimenti a fare qualcosa di più produttivo, se si usano da utilizzatori comuni è comunque fastidioso e si crea confusione con i vari amici di un social, quelli dell’altro e così via.

I più geek di voi, o meglio quelli più aggiornati, la parola geek è fin troppo abusata sapranno sicuramente che è semplice aggirare il problema visto ci sono servizi come TwitterFeed che permettono di aggiornare un qualsiasi social tramite feed RSS, nel caso di TwitterFeed per Twitter, sorge però un problema che problema più di tanto non è ma che però può far sì che si abbiano meno follower/amici sui social.

Vista la natura e di questi mezzi di comunicazione la presenza sociale è indispensabile, c’è bisogno anche di dialogo per avere “fidelizzazione”.

Si, si potrebbe anche usare solo i social media che si usano più spesso o che più piacciono, però, se avete un sito/blog/negozio online od altro sicuramente si avrebbero meno visite, meno link e sicuramente anche meno link spontanei dai follower/amici, e qualcuno avrebbe anche meno conversioni/vendite, i normali utilizzatori non hanno questo problema ma sarebbero meno rintracciabili, meno “sociali”.

Cosa fare?:

  • Pagare una o più persone/agenzia che gestiscono la presenza nei social se si ha un’azienda/sito web;
  • Come ho appena detto usare solo i social che più piacciono (non è un’idea da buttare);
  • Usare astuzia.

Io preferisco la terza possibilità, badate, non intendo astuzia scorretta ma un metodo per usare tutto, non fare fatica e fare contenti amici, follower, amici 2.0 o chiamateli come preferite.

Questo metodo non è niente di speciale, bisogna solo, come da titolo riutilizzare i dati (informazioni/aggiornamenti/news) però in maniera corretta cercando di non duplicare tutto quello che si dice, ogni social deve avere almeno in parte informazioni diverse ed uniche o fresche (news), in base il brand degli utilizzatori di quel social network o dei vostri follower/amici di suddetto social, degli argomenti che di solito trattate in quel social o da cosa volete, comunque non pensate molto al brand ed a cose simili prima di scrivere se non lo fate di professione, la spontaneità vince.

In poche parole: riutilizzate i dati nei Social ma non scrivete solo le stesse cose, io se stringo l’amicizia in due social con una persona che scrive lo stesso sia in uno che nell’altro a parte rari casi da un social lo tolgo, non solo io la penso così, volete perdere amici/acquirenti/traffico?; se la risposta è no non siate ridondanti e sicuramente non farà male alla vostra presenza sui social media, infine dico anche di non dimenticarvi di rispondere alle conversazioni.

Dopo che l’avrò fatto io, o, sicuramente più in la anche se non lo farò scriverò un altro bel post riguardante la generazione di contenuti per i social media.

Stay Tuned on Tip and Tricks di Computer!.

Thanks to image elleinad.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.