Webcheck, Analizza Broken Link e Molto Altro

Pubblicato da Yuri Carlenzoli | 27 maggio 2012

Webcheck un tool in grado di trovare collegamenti interrotti su HTTP, HTTPS, FTP e files, utile per correggere broken link e mostra molte altre informazioni utili per i webmaster.

Webcheck

Dell'utilità, per l'ottimizzazione dei motori di ricerca e per l'usabilità, dell'individuazione di broken link e della sua sistemazione non sto a parlare dato che l'ho detto più volte anche di recente, la comodità di fare questo invece può variare in base le persone, si può essere comodi a vedere gli errori 404 online oppure con tool come Webcheck si possono analizzare i broken link dal computer, da Linux funziona questo software.

Webcheck non controlla solamente i broken link di un sito internet, e li controlla tutti, interni ed esterni, e non solo i link alle pagine web ma anche alle immagini, una volta che ha finito di analizzare un sito internet Webcheck genera un report in HTML visualizzabile con qualsiasi browser che permette di vedere:

  • Una sitemap contenente tutti i link del sito web;
  • La lista di tutti gli indirizzi internet;
  • La lista di tutti gli URL delle immagini;
  • Tutti i link esterni;
  • I link con analizzati per vari motivi, anche perchè Webcheck rispetta il robots.txt;
  • Gli errori 404 (i broken link), verranno inclusi anche altri codici di risposta 4XX e 3XX;
  • La lista delle pagine più vecchie;
  • La lista delle pagine più nuove;
  • Le pagine con dimensioni maggiori;
  • Le pagine senza tag title;
  • Le pagine web che non contengono informazioni sull'autore (ricavate dal meta).

Una gran bella caratteristica di Webcheck è che in tutti i vari report, passando sul mouse su qualsiasi link nelle varie sezioni viene aperta una piccola finestra in pop-up che mostra il risultato dell'analisi che contiene non solo la risposta di errore del server:

Risultato-Analisi-Webcheck

Questa caratteristica rende molto semplice anche una possibile ulteriore ottimizzazione per i motori di ricerca, la risoluzione di errori 404 sarà molto semplice dato che verrà detto che link è interrotto ed in che pagina si trova.

Come usare Webcheck

Anche l'utilizzo di Webcheck è semplice, non permette di monitorare costantemente gli errori 404, però, essendo un software in Python non occorre installarlo per farlo funzionare ma basta avere installato Python e lo si potrà avviare, la sintassi del comando prevede di richiamarlo, selezionare una directory di output del file html ed indicare il sito web da analizzare, ad esempio:

python ./webcheck.py - o /directory/output/ http://www.google.it/

Dopo aver digitato il comando che analizzerà i broken link potete tranquillamente lasciare aperto il terminale con Webcheck in esecuzione e fare altro, non richiede di essere guardati, nel file HACKING presente nell'archivio c'è lo schema di funzionamento di Webcheck se volete modificarlo/configurarlo, e, digitando il comando senza nessun parametro aggiuntivo vedrete le possibili opzioni che accetta.

Da qui potete fare il download di Webcheck.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.