Semplice Guida per Usare Google Wave Organizzati

Pubblicato da Yuri Carlenzoli | 18 novembre 2009

Questo è un tutorial che spiega come usare google wave organizzati o meglio come organizzarlo per poterlo utilizzare meglio, più semplicemente senza confusione.

come-organizzare-google-wave

Anche se questo è il mio metodo per organizzare google wave ritengo che sia il metodo giusto, ovvero, è il massimo che è possibile fare con gli "strumenti" ufficiali messi a disposizione di google wave fin ora, probabilmente mi dilungherò ma è molto semplice organizzare/rendere più produttivo wave.

Come organizzare Google Wave

Prima di tutto, per rendere più semplice da capire quello che scrivo bisogna necessariamente dire l'organizzazione di default che ha google wave:

organizzazione-predefinita-google-wave

Quando si è invitati ad un wave, quando lo si scrive o quando c'è la risposta ad un wave di default questo va nelle cartelle virtuali "all" ed "inbox", lo si legge e li ci resta, se si hanno pochi wave non danno fastidio ma se cominciano ed essercene un po di waves e si vuole cercare qualcosa senza usare le query di ricerca diventa confusionario, e, quando ci sarà una risposta al wave, lo stesso farà lo stesso "giro".

Per rendere più organizzato google wave ci sono due utili funzioni, quella che archivia i messaggi (il bottone "archive") e la funzione che permette di creare cartelle virtuali personalizzate.

organizzazione-google-wave

Se, su google wave si creano delle cartelle che corrispondono a vari argomenti, e, quando arriva oppure si crea un wave lo si sposta in quelle cartelle (tramite il pulsante "Move To"), e, dalla cartella "inbox" lo si archivia, questo lascia libera la cartella "inbox" e si troverà più facilmente. Quando ci sarà risposta ci tornerà nella cartella "inbox" ma andrà comunque nella directory virtuale "all", però, in "inbox" ci saranno solo waves freschi ed in "all", avendo creato le directory personalizzate si potrà capire di cosa parla un wave o comunque sarà etichettato in base una propria organizzazione:

google-wave-organizzato

Per completezza spiego anche dove sono i vari pulsanti e come fare a fare le cartelle virtuali personalizzate in google wave: nella parte centrale della finestra di google wave, quando si è nella cartella "inbox", premendo il pulsante "Archive" i wave vengono spostati in "all" e si fa ordine nell'"inbox"; premendo il più (+) in parte a "Folders" nella parte sinistra, scrivendo un nome e poi premendo invio viene creata una cartella personalizzata, si potrà poi anche cambiargli colore, io così ho reso un po più gestionale google wave. Non fate caso al nome della mia cartella verde, ci metto di tutto 🙂 .

Aggiorno l'articolo dicendo che Google Wave è stato chiuso ma l'articolo non verrà eliminato, può sempre interessare anche in futuro sapere come si evolvono le dinamiche dei social network/servizi web.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.