SecretSync: Sincronizzazzione Crittografata in Cloud

Pubblicato da Yuri Carlenzoli | 16 agosto 2011

SecretSync è un software che permette di sincronizzare i file in Cloud però prima crittografandoli in locale garantisce la massima protezione dei dati.

SecretSync

Innanzitutto per chiarezza è necessario dire che SecretSync non è un servizio online che fa free file hosting ed ha la funzionalità della sincronizzazione dei file tra il computer ed internet ma bensì è un software di crittografia, e, anche se in teoria SecretSync è pensato per lavorare con Dropbox è possibile utilizzarlo con altri software, ad esempio se lo si usa con Syncdocs permette la crittografia dei file che si hanno su Google Documenti.

SecretSync è definito una "tunnel folder", più o meno un link simbolico alla directory del software che sincronizza online i file, questa tunnel folder in pratica fa una doppia sincronizzazione segreta, in locale i files saranno visualizzabili normalmente però solo nella directory di SecretSync ed online saranno criptati con crittografia AES a 256 bit:

SecretSync-Tunnel-Folder

In pratica SecretSync permettere di nascondere i dati lontano da occhi indiscreti in due modi diversi, anche se li potranno visualizzare tutti sul computer saranno solo nella directory di SecretSync, se per caso riuscissero a violare il vostro account online i documenti di SecretSync saranno incomprensibili:

File-Crittografato-con-SecretSync

Installare ed usare SecretSync è facile, c'è l'installer per Windows, ed il pacchetto per Ubuntu, è richiesta Java o .NET Framework 2.0 o versioni su Windows (funziona su Windows XP/Vista/7), durante l'installazione bisognerà registrarsi gratuitamente a SecretSync tramite il programma poi basterà digitare le password che saranno le chiavi che generano la crittografia e definire la directory dove tiene i files in locale Dropbox, Syncdocs o qualsiasi altro programma.

Una volta installato per usarlo si dovranno solo mettere files nella directory di SecretSync ed ogni tanto sincronizzare tramite SecretSync la sua directory e quella del software che sincronizza in cloud, anche se non si vedranno nella directory locale del programma che sincronizza in cloud i files saranno messi online crittografati, offline saranno ben visibili mentre online no, consiglio quindi di non crittografare tutti i file che si mettono online ma solo quelli più importanti altrimenti da altre postazioni saranno inaccessibili.

Da qui potete fare il download di SecretSync, prossimamente ci sarà anche la versione per Mac OS X, il programma è totalmente gratuito però le directory sincronizzate e crittografate non devono essere più grandi di 2 GB.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.