Rekonq, il Browser WebKit Based per KDE

Pubblicato da Yuri Carlenzoli | 27 maggio 2012

Rekonq è un browser alternativo per KDE basato su WebKit, come Konqueror assicura la perfetta integrazione nel sistema ma è migliore, sarà il successore di Konqueror?

Rekonq

Su Linux il fatto che installare altri browser invece che quelli di default presenti nel sistema operativo non sia semplice com'è successo su Windows fino a quando non è intervenuta l'Unione Europea ed ha multato Microsoft per abuso dominante perchè Internet Explorer era installato di default e non venivano offerte alternative ne metodi per toglierlo o come sembra stia di succedendo di recente in Windows RT che pare non permetta di usare altri browser, grazie alla filosofia Open Source è impensabile, però, se il browser installato di default fosse "perfetto" sarebbe di sicuro una gran bella cosa.

KDE di default, a parte varie distribuzioni, utilizza Konqueror come web browser predefinito, che, seppur vada bene e sia veloce necessita di caratteristiche che ormai sono usuali per un browser moderno, non solo il motore di rendering WebKit utilizzato ad esempio da Safari o Chrome e che possiede anche Rekonq, ma, di feature intuitive come gli elementi nella nuova scheda e gli addon, che, su Rekonq non servono praticamente i plugin, ha tutto incorporato, in pratica Rekonq in più di Konqueror ha:

  • L'interfaccia minimalista che occupa pochissimo spazio, stile Chrome;
  • L'accesso veloce alle schede chiuse, i preferiti, i segnalibri, la cronologia ed i download nella nuova scheda;
  • Permette di personalizzazione alcune funzionalità di WebKit, anche il prerendering dei DNS;
  • Può cambiare user agent velocemente;
  • Ha AdBlock integrato e permette l'accesso veloce allo stesso, possiede la navigazione anonima e permette di pulire velocemente le cache, i cookie, le cronologie, ecc.;
  • Possiede qualche funzionalità simile a Speed Dial.

Caratteristiche-Rekonq

Come Konqueror anche Rekonq si integra nel sistema operativo aprendo file, i PDF ad esempio, gestendo files potendo navigare nelle directoey, esplorando FTP ed altro, appena s'installa, Rekonq da Konqueror importa anche la maggior parte delle impostazioni quindi si farà alla svelta ad utilizzarlo.

Infine, cosa molto importante da segnalare dico che, al contrario di Konqueror, non per colpa di quest'ultimo, Rekonq è pienamente compatibile con i nuovi siti internet dato che viene identificato come Safari di Default, Testato su Google Drive e Google+ i quali non supportano Konqueror, Rekonq va benissimo, ed è veloce.

Se non l'aveste nei repository da qui potete fare il download di Rekonq.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.