REDbot, Verifica la Cache Tramite Header

Pubblicato da Yuri Carlenzoli | 02 settembre 2011

REDbot è il miglior tool online ed anche quello più semplice da utilizzare per verificare gli header http di siti internet per la cache e non solo quelli.

REDbot

Tramite gli header http di risposta, ovvero quello che il web server dice al browser, quest'ultimo gestisce anche la cache, configurarli non è semplice per chi non ha fatto uno studio approfondito, a tutte queste persone, me compreso, viene molto utile REDbot che permette di verificare se non ci sono conflitti tra header http che permettono il caching e non solo quelli.

A differenza di altri tool online ed offline, Poster è l'ultimo che ho presentato, il pregio maggiore di REDbot, per il caching delle pagine, quindi per la velocità di caricamento, per il ranking sui motori di ricerca e per l'usabilità da parte dei visitatori del sito internet è che mostra graficamente i problemi che ci sono e passando con il mouse sopra il simbolo/la descrizione del problema evidenzia l'header e mostra un pop-up che dice perchè non va bene e come risolvere, ovviamente un minimo di esperienza bisognerà averla, REDbot dice come risolvere i problemi non li sistema.

Anche REDbot però non è perfetto, non voglio assolutamente dire che questo blog lo sia, guardando però la prima immagine di questo post, che è l'output di REDbot della home di Tip and Tricks è possibile vedere che non va tutto bene, non è necessariamente vero che non vada bene infatti REDbot (normalmente) controlla gli header HTTP a livello di pagina e non di singolo elemento presente nella pagina:

Incoerenza-Accept-Encoding-User-Agent-REDbot

Altre caratteristiche di REDbot, qualcuna presente anche in tool simili sono che è possibile inviare header http di richiesta personalizzati quali i più utili sono: la lingua, utile se si ha un sito multilingua; l'useragent, utile per vedere come si comporta il server in base il browser; il referrer, utile per vedere come viene gestita la pagina in base i link presenti in altri siti.

Le caratteristiche più particolari di REDbot sono che è possibile vedere/scaricare un file JSON contenente gli header di risposta, è possibile visualizzare gli Header di tutti gli elementi e relativi problemi premendo "check assets", per quello che prima ho detto che REDbot funziona a livello di pagina normalmente, e, REDbot permette anche di validare la pagina tramite il W3C.

Dico infine che, anche se sono tutte molto utili per analizzare gli header HTTP le caratteristiche di REDbot, è e lo ritengo sicuramente molto più utile (e semplice) per controllare il corretto funzionamento della cache di un sito internet, per ora è il migliore.

Qui trovate REDbot dove potrete analizzare i vostri header HTTP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.