Do Not Track nel Sistema, in /etc/hosts

Pubblicato da Yuri Carlenzoli | 12 marzo 2012

Ecco come integrare il blocco di cookie traccianti nel sistema, in pratica si avrà l'header Do Not Track non solo per (tutti) i browser ma anche per tutti i software.

Bloccare-Siti-Internet-Tracking-Hosts

Innanzitutto devo premettere che per bloccare i siti internet che fanno il tracking tramite il sistema su Linux non dirò niente di nuovo, ovvero si bloccano tramite il file /etc/hosts, l'equivalente del file hosts di Windows, però, l'utilizzo di questo file per far questo non è risaputo siccome me lo sono inventato, spiegherò come farlo su Linux.

Dopo l'introduzione, per chi non lo sapesse il file /etc/hosts di Linux, come il file hosts di Windows serve in pratica a bloccare determinati siti internet, non solo però, anche i siti web non possono raggiungere il computer, giusto per questo che mi è venuta l'idea di utilizzarlo come il Do Not Track, integrato nel sistema.

Per bloccare i siti web che tracciano l'attività di navigazione, e, con questo metodo, ovvero integrando il Do Not Track nel sistema anche i programmi curiosi bisogna però avere una lista, all'indirizzo http://winhelp2002.mvps.org/hosts.txt vi è un file hosts per Windows che viene aggiornato di frequente che contiene anche degli host che hanno tracking cookie o comunque che tracciano la navigazione in altri modi.

Ora, da quel file, non solo perchè è studiato per Windows, ma anche per restare coerentemente a tema con questo tutorial bisogna estrarre soltanto quello che interessa, ovvero i nomi degli host che tracciano la navigazione, questo è il motivo principale per cui presento questo tip/trick per Linux, tramite un semplice comando si estrarranno, ammettendo che abbiate scaricato il file "hosts.txt" sul desktop dell'utente root, necessario per modificare il file /etc/hosts vi basterà digitare:

grep 'Tracking' /root/Desktop/hosts.txt > /root/Desktop/tracking.txt

Avrete adesso il file "tracking.txt" contenente solo l'indirizzi internet da aggiungere dopo quello che è presente nel vostro file hosts (lasciate almeno 127.0.0.1 localhost).

Per precisione dico infine che il file scaricato non è un completo Do Not Track per il sistema però è un buon inizio, implementarlo ed espanderlo è semplice, e, ovviamente, a parte il codice che estrae le righe contenenti le specifiche parole dal file di testo questo metodo funziona anche su Windows, se usate Windows con una distro live potrete fare il tutorial al 100% anche voi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.