Il Cloud Computing Personale, Farlo è Semplice, Averlo è Comodo

Pubblicato da Yuri Carlenzoli | 20 ottobre 2009

Ecco com'è semplice fare il cloud computing per utilizzo personale, privato o domestico, si possono avere i propri documenti/files ovunque, è molto comodo.

cloud-computing-personale

La doverosa premessa da fare per chi fosse all'oscuro di cos'è il cloud computing innanzitutto, in poche parole, citando cosa dice wikipedia è che, il cloud computing:

In informatica, con il termine cloud computing si intende un insieme di tecnologie informatiche che permettono l'utilizzo di risorse hardware (storage, CPU) o software distribuite in remoto.

Rendendo tutto molto semplice, senza pensare al calcolo distribuito od a cose troppo difficili, attuabili da nessuno in ambiente casalingo o solamente da appassionati che se ne intendono, il cloud computing personale che m'intendo io è molto semplice e deve avere solo due cose, indispensabili:

  • Dev'essere gratuito;
  • Deve permettere di accedere a documenti/dati/video/musica ovunque ci si trovi.

Come fare il Cloud Computing Personale

Fare il cloud computing personale non è affatto difficile, qui faccio un esempio di come potrebbe essere utilizzando delle applicazioni che sono già state recensite in Tip and Tricks di Computer, e, per archiviare files si userà un servizio online gratuito.

Per realizzare questo cloud computing personale bisognerà praticamente mettere dei programmi sul computer (Mac, windows o linux) che consentono di trasferire i files online quindi renderli disponibili in qualsiasi parte del mondo tramite un altro computer od il cellulare, su quest'ultimo andranno installate anche su di esso le applicazioni per rendere possibile caricare online, per esempio le foto che vengono scattate, oppure si può fare anche tramite il browser del cellulare.

Innanzitutto, tutti i files, video, ed anche la musica è possibile metterli su G.ho.st che offre gratuitamente 15 GB di spazio di hosting per files, raggiungibile sia da computer che da cellulare, per windows e Mac c'è anche il software che permette di sincronizzare, anche automaticamente, i files, per linux no purtroppo, si caricheranno da browser, per poter salvare ed ascoltare ovunque alla propria la musica, visto che MP3tunes è specializzato nell'hosting di musica, la può anche riprodurre nel browser, ha le applicazioni che vanno bene per tutto ed offre 2 GB di hosting free per gl'Mp3, si risparmierà un po di spazio su G.ho.st si potrà quindi scegliere questo servizio web.

Ipoteticamente, su Windows s'installerà:

  • Il software di G.ho.st per sincronizzare inviare i files;
  • Lightning su Mozilla thunderbird per sincronizzare Google calendar, Google Contacts per sincronizzare i contatti google con thunderbird;
  • LockerSync, l'applicazione di MP3tunes per caricare ed ascoltare musica.

Su linux s'installerà:

  • Si caricheranno da browser i file su G.ho.st;
  • Lightning e Google Contacts su thunderbird per sincronizzare il google calendar ed i contatti google;
  • LockerSync per la musica.

Sul Mac si andrà a mettere:

  • Il programma di sincronizzazione di G.ho.st;
  • LockerSync;
  • Lightning e Google Contacts.

E, sul cellulare, ipoteticamente l'iPhone si metterà:

  • Si accederà a G.ho.st per caricare e guardare i files, forse c'è anche l'applicazione da scaricare;
  • LockerSync;
  • NuevaSync per sincronizzare i contatti di google ed anche i calendari google.

Fatto questo, anche se tre computer ed un iPhone penso che li abbiano poche persone in Italia, si potrà accedere ai file più importanti ovunque si sarà, ci sono anche programmi migliori come Gladinet Cloud Desktop che uso su windows, ma purtroppo non è multipiattaforma e la mia idea è appunto quella di fare una cosa per tutti, come, per linux un programma si condivisione/backup/sincronizzazione è SpiderOak, questo multipiattaforma ma l'hosting gratuito è di "soli" 2 GB.

Anche per Mac e iPhone che non uso ci sarà qualcosa di meglio, però, non essendone utilizzatore non conosco niente di meglio, comunque sono riuscito nell'intento di dimostrare che fare un cloud computing personale a costo zero, accessibile ovunque e con tutti i dispositivi/sistemi operativi è molto facile anche se è molto rozzo nell'esempio che ho fatto.

Per maggiore sicurezza dei dati si potrebbe pensare anche di archiviare anche tutti i files che si hanno online in un NAS accessibile da tutti i sistemi operativi, questo da solo farebbe già da cloud desktop, però non è gratuito, e, bisognerebbe tenerlo sempre acceso per renderlo sempre accessibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.