Come Raffreddare il Computer Desktop

Pubblicato da Yuri Carlenzoli | 26 luglio 2008

Forse sono in ritardo nel scrivere questo post ma da me non si percepisce ancora molto il caldo, comunque ecco delle linee guida per raffreddare il computer desktop, o meglio, per come tenerlo al fresco ed agevolarne il suo raffreddamento sopratutto quando fa caldo.

alimentatore-e-ventole-computer

Tramite una lista ecco subito che indico i suggerimenti che possono permettervi di raffreddare meglio il computer desktop:

  • A parte l'eccessivo alimentatore che ho montato io con 2 ventole, nella foto si può vedere l'utilissima ventola posteriore che espelle l'aria calda, dove ormai tutti i PC moderni sono forati e predisposti per montarne una che con 5 euro si compra, se la installate anche voi di sicuro non fa che bene al raffreddamento del computer;
  • Oltre la ventola posteriore è consigliabile anche una ventola anteriore, di dimensioni maggiori, di dodici centimetri, prima di acquistarla comunque verificate l'alloggio de vostro case prima di comprarla, la ventola frontale l'aria la spinge nel case portandogli aria fresca mentre quella posteriore espelle il calore;
  • Se il vostro computer non è predisposto per alloggiare la ventola anteriore si potrebbe pensare anche di comprare un coperchio laterale dov'è possibile installare un ulteriore ventola laterale che espelle l'aria calda, il mio cabinet vecchio l'ho forato ed ho montato la ventola con bulloni se volete fare un po di modding potreste farlo anche voi, però con 50 euro circa si può pensare di comprare un case di medio livello fornito di tutto.
  • Una raccomandazione non scontata è quella di tenere il PC in un luogo areato, non chiuso in qualche buco.
  • Durante l'assemblaggio del computer se lo fate voi, per il raffreddamento dello stesso è molto importante tenere ben uniti i cavi, in questo modo si agevola il flusso dell'aria, uniteli con fascette se non sono uniti di loro;
  • Seppur potrebbe sembrare scontato dico anche che il computer non deve stare vicino a fonti di calore tipo caloriferi, inoltre non deve subire neanche sbalzi di temperatura con fonti troppo fredde come il condizionatore.

Infine è doveroso anche ricordarvi che il computer  ha meno prestazioni quando surriscaldato, consuma più energia ed i suoi componenti durano di meno, se volete massimizzare al massimo il raffreddamento potreste anche pensare di mettere il raffreddamento a liquido del processore, seppur non sia necessario in quell'articolo ci sono anche consigli per il raffreddamento del processore.

2 commenti su “Come Raffreddare il Computer Desktop

  1. Gianluca Salina

    Due appunti:

    "Scontato che il computer non deve stare vicino a fonti di calore tipo caloriferi, ma comunque non deve subire neanche sbalzi di temperatura con fonti troppo fredde come il condizionatore."
    E' falso, la temperatura che può generare il condizionatore non è sufficientemente bassa per produrre fenomeni di condensa, pericolosi per l'hardware; quanto alla temperatura in sè, i componenti elettronici lavorano meglio a temperature più basse (sempre nei limiti di quelle che si possono trovare in una abitazione/ufficio), che alle alte.

    "Doveroso ricordare che il computer ha meno prestazioni quando surriscaldato, consuma più energia e dura di meno..."
    Questoè vero solo in parte, dal momento che occorre far superare temperature molto elevate per arrivare ad effetti simili e che il calo di prestazioni avviene solo nel processori, ma solo in quesi chip che dispongono di funzionalità di riduzione della frequenza operativa in funzione della temperatura. Per quanto concerne l'aumento del consumo di energia elettrica, questo non è legato alla temperatura in sè, ma al maggior lavoro che devono compiere le ventole.

  2. yuri Autore del post

    risposta al primo:
    sbalzi di temperatura come il condizionatore nel senso sbalzo vero e proprio di temperatura, cioè se il computer è caldo e lo si mette al freddo davanti al condizionatore, dannosissimo per i dischi vedi studio (link non più funzionante) eseguito sui dischi di google

    al secondo:
    calo di prestazioni del processore è comunque del computer, anche i dischi ne risentono, riguardo il calo di frequenza operativa non sempre viene utilizzata, anche sconsigliata per le prestazioni (fonte sandra)e comunque non è al massimo compatibile con windows vedi computer che non si rianimano dopo standby
    ciao gianluca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.