Come Condividere la Partizione di Swap con Linux

Pubblicato da Yuri Carlenzoli | 06 novembre 2012

Ecco il semplice metodo che permette di condividere una partizione di swap con due sistemi operativi Linux, si può fare anche dopo aver installato il sistema.

Partizione-Swap-Condivisa-Linux

Seppur i moderni computer sono dotati di un'ottima quantità di memoria RAM, a parte il fatto che a volte potrebbe essere utilizzata tutta (anche su Linux), se i sistemi operativi sono progettati per usare la swap farla è quasi doveroso.

Se si ha installato Linux e non è stata creata una partizione per lo swap ho già detto come creare un file di swap, stavolta, per chi ha appena formattato una partizione e vole mettervi un'altra distribuzione Linux, per chi sposta i files della partizione di dati su un'hard disk esterno e su quella partizione ci installa una distro, ha dello spazio libero per fare una partizione si sqap od altro, e non aveva ancora creato una partizione di swap dico com'è semplice crearne una ed utilizzarla per due distribuzioni Linux, ovviamente anche per solo una distribuzione ed anche tre o più distro se si vuole!

Come fare una partizione di swap condivisa

Come per aggiungere un hard disk a Linux aggiungere hard disk o partizioni a Linux non è difficile, basta solo crearle ad esempio con GParted e montarle, la swap non andrà montata ma dovrà essere identificata, attivata e bisognerà dire al sistema di usarla ad ogni avvio.

Immaginando quindi che abbiate creato tre partizioni di cui due avete installato due differenti distribuzioni Linux ed una volete usarla per lo swap, innanzitutto digitando in shell il comando fdisk -l identificherete il nome assegnato al dispositivo/alla partizione di swap assegnato da Linux a quella partizione, ammettiamo che sia "/dev/sda3":

Identificare-Partizione-Dispositivo

Una volta identificata la partizione basterà inserire una linea nel file /etc/fstab per impostarla come swap, apritelo quindi come root o con sudo ed inseritevi una riga con scritto XXX none swap sw 0 0, dove, al posto delle tre ics ("XXX") dovrete mettere l'identificativo della partizione.

Se su una partizione usate Ubuntu, dalle ultime versioni al posto delle ics dovrete inserire l'identificativo univoco della partizione ("UUID") che in pratica è una lunga serie di numeri e lettere racchiuse tra doppi apici, dovrete copiarlo tutto tranne gli apici e nel file della mappatura delle partizioni dovrete anteporvi UUID=, semplicemente digitando nel terminale sudo blkid lo lo vedrete:

Identificare-UUID-Partizioni-Ubuntu

Fatto questo digitando da root o con sudo swapon -a la partizione di swap sarà attiva, questo comando attiva tutte le partizioni di swap, se avete quindi creato lo swap file perché eravate impossibilitati a partizionare ed ora non vi serve più ricordativi di eliminare ogni riferimento ad esso, dopo aver digitato swapoff in shell o dopo aver riavviato il computer potrete anche eliminarlo, è un bel po di spazio guadagnato.

Concludo dicendo che quanto scritto è stato testato ed è perfettamente funzionante con Slackware 14 ed Ubuntu 12.04, e, se qualche comando non funzionasse o se non riusciste a modificare i file utilizzate sudo per aprirli, ad esempio con il comando sudo gedit /etc/fstab riuscirete a modificare da root il file della mappatura delle partizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.