Come Aggiornare il BIOS della Scheda Madre

Pubblicato da Yuri Carlenzoli | 07 aprile 2008

Innanzitutto è doveroso dire che, i motivi di aggiornamento del bios sono per la maggior parte legati alla compatibilità di nuove periferiche Plug and Play correggere problemi di compatibilità hardware o software, senza dimenticarsi, il supporto di processori nuovi, non è essenziale farlo ma è una buona norma, non può fare che bene al computer.

I metodi per l'aggiornamento del bios solitamente sono due, la sostituzione fisica del chip ROM (nei computer vecchi) oppure l'aggiornamento della flash, in questo articolo mi soffermo su questo perché è il più utilizzato.

L'aggiornamento della memoria flash del BIOS consiste nel scaricare e copiare il bios su dischetto, dal quale si esegue l'avvio del computer, in seguito il bios viene copiato all'interno del chip BIOS, è possibile aggiornare il bios anche con dei programmi, solitamente dati in dotazione nel cd della scheda madre se la si acquista oppure con il computer, essi controllano la presenza di un bios aggiornato, lo scaricano e richiedono l'avvio del PC per installarlo, il più famoso è Asus Update in dotazione con le schede madri Asus.

Oltre che essere quello da me testato mi soffermo su Asus Update perché Asus è un ottima marca di schede madri, penso sia la più utilizzata, comunque il procedimento per chi non lo avesse è pressoché uguale.

La prima cosa da fare è ovviamente installare Asus Update, presente nel CD dei driver della scheda madre, se non avete comprato una scheda madre ma il computer "già fatto" controllate che siano presenti i cd con i driver, altrimenti, se, malauguratamente, dovreste formattare, sareste costretti a portare il computer in un centro d'assistenza, e spendere soldi inutilmente, per dieci minuti di lavoro che potreste fare voi stessi oppure scaricare da internet tutti i driver dovendo prima annotarvi scrupolosamente tutti i componenti.

Una volta installato Asus Update fatto partire c'è la possibilità di scaricare e installare il bios da internet ("update BIOS form internet"), salvare il corrente bios su file ("save current BIOS to file"), installare un bios scaricato dal sito web del costruttore o salvato in precedenza ("update BIOS form file"), scaricare solamente il bios da internet ("download BIOS form internet"), vedere che versione del bios si sta usando e ci sono le informazioni del chipset ("check BIOS information"), infine le opzioni ("options").

Io vi consiglio di scaricare il BIOS prima poi installarlo (scaricarlo con il programma o dal sito web del costruttore è indifferente sia per gli utenti (windows o linux), non si sa mai che cada la connessione.

Operazioni da eseguire per aggiornare il BIOS del computer

Ora, ammettendo che abbiate scaricato il bios, anche se non sempre necessarie dato che è un componente essenziale del computer ecco elencate tutte le operazioni da eseguire per aggiornare il BIOS:

  • Fare un backup dei dati importanti qualora, non andasse a buon fine l'aggiornamento;
  • Fare una copia del bios originale, o con il programma, o, se non avete il programma quasi sicuramente con la scheda madre è presente un floppy con il bios originale od un "bios recovery disk";
  • Spegnere il computer;
  • Se, non è impostato nel BIOS del vostro computer o se non è disponibile il riconoscimento automatico, dei cilindri ("cylinders") testine ("heads") e settori per traccia ("sector per track") dell'hard disk per precauzione salvatevi i numeri vi potranno servire;
  • Qualora non sia disponibile o non in automatico anche la transazione ("transation: normal, LBA..") annotare pure quella, potreste dover riconfigurare anche quella;
  • Altre cose che si dovranno annotare dalle impostazioni del "vecchio" BIOS sono anche le impostazioni non standard, porte parallele, scambio dati del disco, apertura video se avete una diversa scheda video, ecc.;
  • Controllare se c'è un jumper che protegge da scrittura il bios, manuale guardando la scheda madre o controllando dal sito del costruttore;
  • Accendere il computer;
  • Leggere molto bene le istruzioni presenti nel documento contenuto nell'archivio dell'aggiornamento del bios che avete scaricato;
  • Adesso non resta nient'altro da fare che o aggiornare il BIOS con il programma o tramite file, tramite floppy per chi non avesse il programma e tramite USB se non aveste il lettore di floppy disk che ormai non ce l'ha più nessuno, infine riavviare il computer.

Al primo avvio del computer ricordatevi di entrare subito nelle impostazioni del BIOS e di controllare che le impostazioni del bios stesso coincidano con quelle che vi eravate annotati in precedenza.

Se una volta avviato il computer sentite beep ripetitivi, potete far riferimento al post dove dico come individuare i problemi dai segnali del bios, altri tips and tricks riguardanti anche gli aggiornamenti del BIOS li trovate nel blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.